IDLO and Italy sign new Host Country Agreement

16 Jun 2017

Languages: English - Italian

(Rome, June 14, 2017) The International Development Law Organization, IDLO, has signed a new Host Country Agreement with the Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation.

The new Agreement was signed by Ms. Irene Khan, Director-General of IDLO, and Ambassador Pietro Sebastiani, Director-General for Development Cooperation.

“The agreement strengthens the longstanding partnership between IDLO and Italy, reinforcing our mutual goals of promoting peace, justice and sustainable development,” said Director-General Irene Khan.

“We are grateful to Italy for hosting our headquarters and for its longstanding, consistent and generous support.”

IDLO and the Government of Italy share a mutual commitment to implement the global vision enshrined in the United Nations’ 2030 Agenda, in particular towards fulfilment of the global goals of using the rule of law to further development and access to justice.

Statement of the Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation.


L'IDLO ed il Governo italiano firmano il nuovo Accordo di Sede

(Roma, 14 giugno 2017) È stato firmato oggi, presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dalla Direttrice Generale dell’IDLO, Irene Khan, e dal Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo, Ambasciatore Pietro Sebastiani, il nuovo Accordo di sede tra il Governo italiano e l’Organizzazione Internazionale per il Diritto allo Sviluppo (IDLO).

“L’accordo conferma la storica collaborazione tra l’IDLO e l’Italia e rafforza il comune impegno verso pace, giustizia e sviluppo sostenibile” ha dichiarato la Direttrice Generale Khan.

“Siamo grati all’Italia, Paese che ospita la sede dell’IDLO sin dalla sua nascita e che negli anni ha sostenuto le attività dell’Organizzazione in modo continuo e crescente” ha aggiunto la Direttrice Khan.

Il raggiungimento di obiettivi globali quali l’espansione dello stato di diritto e l’accesso alla giustizia a livello mondiale, così come riconosciuti nell’Agenda 2030 dell’ONU, rappresentano le basi sulle quali si poggia l’impegno internazionale dell’Organizzazione.

Comunicato del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.